martedì 18 aprile 2017

LO SGUARDO DEGLI ALTRI





E' lo sguardo degli altri a mantenerci in vita
siamo un'impronta che rimane al cuore
di chi ci preme, a germogliare sulla ferita
il tralcio, il fiore oscuro che lega insieme.


      
Il silenzio mi attraversa come una ferita
fa' di me ciò che vuoi
da tempo sono arresa all'invisibile
quel che ho da dire al mondo
si è rappreso in un coagulo di gelo.



Respiro nel respiro, ascolto la notte.
Ombre lunghe tendono abbracci,
invitano a proseguire oltre la siepe
sul confine dello sguardo. Accade
- ancora - di ritrovarci nudi, esposti.
Restare allora nella notte, accogliere
la sua lusinga è un balsamo per chi
non lascia tempo alla paura; tenebra
è una parola che risolve e cura.


     Giovanna  Rosadini           Inediti


3 commenti:

  1. Le tue scelte sono raffinatissime: questo testo, per esempio, è incantevole!
    Grazie!!!

    RispondiElimina
  2. Mi piace risponderti con una metafora proprio di questa lirica : "...siamo un'impronta che rimane nel cuore di chi preme..." perché corrisponde ad un desiderio - inespresso o meno, consapevole o no - di rimanere dentro la Storia del mondo attraverso un'impronta ( e come questa Unica e Originale ) scolpita dentro il cuore di chi ci ha conosciuto. E amato.
    Abbi un affettuoso abbraccio.

    RispondiElimina
  3. Esattamente così! Sei stata chiarissima e sottoscrivo ogni parola.
    Grazie ancora!!

    RispondiElimina