domenica 23 aprile 2017

LA SPENSIERATEZZA

 
 
 

                                              ...esplodo come la dinamite...



La spensieratezza è un caro peccato,
caro compagno di strada e nemico mio caro!
Tu negli occhi m'hai spruzzato il riso
e la mazurca mi hai spruzzato nelle vene.
Poiché mi hai insegnato a non serbare l'anello,
con chiunque la vita mi sposasse.
A cominciare alla ventura - dalla fine,
e a finire  - ancor prima di cominciare.
Ad essere come uno stelo, ed essere come l'acciaio.
Nella vita, in cui così poco possiamo,
a curare la tristezza con la cioccolata
e a ridere in faccia ai passanti.


      Marina  Cvetaeva   da       Poesie

3 commenti:

  1. Si, ci vorrebbe, almeno ogni tanto, che altrimenti i troppi pensieri incupiscono.

    RispondiElimina
  2. Vedi, anche qui, si tratta di una diversa sensibilità. A me - quelli che tu chiami pensieri cupi - non incupiscono affatto : ne faccio motivo di riflessione sulle " condizioni " poste dalla vita, e con questo spirito le propongo. Lungi da me il pensiero di deprimere qualcuno, anche perché non sono depressa neppure io. In realtà penso che agli eventi cosiddetti " inevitabili" ci si debba preparare ( diversamente dal pensiero epicureo secondo il quale la mia esistenza e la morte sono incompatibili ).
    Io - a questo proposito - ho più un pensiero cristico : la morte ( come evento inevitabile, ma che può diventare ricco di significato ) che dà significato alla vita e a quello che faccio. Non si tratta di una questione né filosofica né teologica : si tratta di fede. Che è poi come il coraggio di Don Abbondio : uno ce l'ha o non ce l'ha.
    Ma - per quello che riguarda la fede - si può sempre sperare e credere o chiedere che ci venga concessa.
    Se poi se le mie condivisioni diventassero insopportabilmente cupe, non c'è che da cambiare sito : ce ne sono a bizzeffe di più leggeri e allettanti.
    Grazie comunque delle osservazioni, che mi offrono sempre spunti interessanti di dialogo.

    RispondiElimina
  3. Se poi - per spensieratezza - intendiamo quell'aura gentile che a volte ci circonda, di cose e persone " belle", sia essa la benvenuta!

    RispondiElimina